Caso Lewandowski: la giustizia amministrativa spagnola sospende la squalifica sportiva di tre giornate.

Cosa è successo e perché in Italia una tale situazione non si potrebbe verificare.

Caso Lewandowski: gli antefatti.

In occasione della partita vinta l’8 novembre 2022 dal Barcellona contro l’Osasuna per 2 a 1, l’attaccante polacco Robert Lewandowski è stato espulso per doppia ammonizione.

All’uscita dal campo il calciatore si è passato il dito sotto al naso al fine di simulare l’uso di sostanze stupefacenti da parte dell’arbitro, reo di averlo espulso.

L’attaccante veniva così squalificato per tre giornate (una per il doppio giallo e due per il gesto irriguardoso nei confronti del diretto di gara).

Caso Lewandowski: la decisione dei giudici spagnoli.

Il Barcellona presentava ricorso alla giustizia sportiva, ma tutti e tre i tribunali sportivi spagnoli hanno confermato la squalifica di tre giornate.

Sicché la società catalana si è rivolta alla giustizia ordinaria (il Tribunale Amministrativo di Madrid) al fine di tutelare il diritto al lavoro del proprio tesserato.

Il Tribunale Amministrativo di Madrid ha disposto la sospensione cautelare della squalifica e così, in attesa della decisione di merito, Lewandowski ha potuto giocare il derby contro l’Espanyol del 31 dicembre 2022 senza ovviamente non poche polemiche alle quali la Federcalcio spagnola ha prontamente così replicato: “Non possiamo contestare ed entrare in contenzioso con il verdetto dei giudici del Tribunale di Madrid”.

Caso Lewandowski: in Italia.

Quanto accaduto in Spagna, in Italia non potrebbe succedere.

La Corte Costituzionale, con sentenze nn. 49/2011 e 160/2019, ha ritenuto che non sono fondate le questioni di legittimità costituzionale, sollevate in relazione agli articoli 24, 103 e 113 della Costituzione, dell’articolo 2, comma 1, lettera b), e comma 2, del d.l. 19 agosto 2003, n. 220, convertito dalla l. 17 ottobre 2003 n. 280, nella parte in cui stabiliscono che la disciplina delle questioni aventi ad oggetto «i comportamenti rilevanti sul piano disciplinare e l’irrogazione ed applicazione delle relative sanzioni disciplinari sportive» (comma 1, lettera b) è riservata all’ordinamento sportivo, di modo che è sottratta al sindacato del giudice amministrativo la tutela annullatoria delle controversie aventi a oggetto sanzioni disciplinari sportive, permanendo in capo al giudice dello Stato la sola cognizione della domanda risarcitoria.

Di conseguenza la giustizia amministrativa italiana si è adeguata a tali pronunce affermando che “È sottratta al sindacato del Giudice Amministrativo la tutela annullatoria nelle controversie aventi ad oggetto sanzioni disciplinari sportive, permanendo in capo al giudice dello Stato la sola cognizione della domanda risarcitoria” (su tutte TAR Lazio, Roma, sent. n. 11882/2021).

In Italia, dunque, un caso Lewandowski non potrebbe mai accadere.

Continua a leggere su news-sports.it.

Chi sono.

Avvocato, laureato in Giurisprudenza presso l’Università Luiss Guido Carli di Roma (anno 2011) con specializzazione in diritto dello sport.

Sempre presso la Luiss Guido Carli ho frequentato (2009) il “Corso di perfezionamento sull’ordinamento giuridico del giuoco calcio”.

Nel 2016 ho conseguito il master in “Avvocato d’Affari” presso la 24 Ore Business School e nel 2018 ho frequentato presso la Pontificia Università Lateranense il corso di alta formazione in “Etica della politica nell’epoca post moderna”.

Avvocato dall’anno 2017, ho maturato esperienza presso primari studi legali in Roma nell’ambito del diritto amministrativo e dello sport, svolgendo in particolare attività giudiziale, stragiudiziale e di consulenza nei settori di attività assistendo importanti società sportive e tesserati.

Inoltre ho maturato esperienza presso importanti società private dove ho svolto l’attività di consulente nell’ambito del diritto civile con un particolare riguardo alla contrattualistica ed al diritto sportivo.

Offro consulenza ed assistenza legale nell’ambito del diritto sportivo, civile, amministrativo e contrattualistica.

Per info: andrea.paolucci85@gmail.com

Tel.: 3284426553

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: